28/10/2012 – Ai Weiwei -Tate Modern, London

Cento milioni di semi di girasole fatti a mano, uno a uno, in porcellana. E’ l’installazione firmata Ai Weiwei, l’artista, designer ed attivista cinese che disegnò lo stadio olimpico pechinese in occasione dei giochi del 2008.

Innanzitutto per il recupero di una città in bancarotta, quella di Jingdezhen, un tempo nota per la produzione di porcellana destinata alla corte imperiale. L’artista ha commissionato il lavoro a manodopera locale, retribuendola in modo adeguato e impiegandola per due anni.

Ai Weiwei invita a riflettere anche sul concetto di Made in China e gioca con il significato di produzione artigianale e globalizzazione. Ogni seme è unico ma livellato da assomigliare alla massa.

Poi il significato ambivalente dell’oggetto in sé, il seme di girasole. Ai tempi della Rivoluzione Culturale, Mao veniva rappresentato in pittura come il sole e quelli che gli ruotavano intorno, come i girasoli. Quelli che non gli ruotavano intorno non erano i girasoli, ma erano costretti a nutrirsi esclusivamente di semi di girasole. Una tortura tanto cattiva, quanto sottilmente raffinata. Weiwei ama la tradizione e forse ancora di più la cultura digitale, che permette di accerchiare le censure. Crede molto nel valore del blogging e di Twitter. 

Nel 2006 apre un blog che verrà poi chiuso dalle autorità nel 2009. Per la sua opposizione al regime è stato recluso per 81 giorni, fino alla liberazione nel giugno del 2012. Rimane tutt’ora in libertà vigilata, costretto a vivere nella sua casa di proprietà sorvegliata da telecamere, cimici, ed agenti in divisa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...