L’amnistia di Assad

Assad grants criminal amnesty as new violence flaresIl presidente siriano Bashar al-Assad ha emesso, martedi, una amnistia per tutti i crimini commessi sino ad oggi (25 ottobre 2012) ad eccezione di quelli terroristici. Il termine del regime per i ribelli, dopo le nuove esplosioni di violenza che hanno attraversato il paese.
Assad, che combatte da 19 mesi i ribelli antiregime, decreta un’amnistia generale per i crimini commessi prima del 23 Ottobre ad eccezione di chi si è macchiato di crimini di terrorismo. Questo il termine del regime per i combattenti siriani.

Non danno segno di fermarsi gli scontri violenti in Siria, nonostante il piano delle Nazioni Unite di assemblare delle forze di pace in caso sia accettata la tregua proposta dall’inviato speciale Lakhdar Brahimi.

Si sono verificati raid aerei sul quartiere settentrionale della città di Aleppo, così come pure combattimenti in tutto il paese, tre giorni prima della festa dell’Eid al.-dha, la festa del sacrificio, per la quale l’inviato di pace Brahimi ha proposto un cessate il fuco.

Ne i ribelli e nemmeno il regime però sembra vogliano accettare il cessato il fuoco e il conteggio giornaliero dei morti è già salito ad oltre 100 morti, così come riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

I combattimenti proseguono in tutta la Siria mentre da ambo le parti e tra i civili si continuano a riscontrare morti e feriti. L’appello della tregua è restato finora inascoltato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...